header

Antiche Attrezzature Professionali

per Parrucchieri e Barbieri

Dal 1600 al 1800

Progetto - Mostra

L'Acconciatura è strumento di comunicazione. Già dagli albori della storia, l'acconciatura è stata ed è strumento di comunicazione. Le testimonianze arrivate fino a noi ci dimostrano, quanto, da sempre l'uomo abbia dedicato cura ai propri capelli; in molti scavi archeologici sono stati ritrovati reperti di notevole interesse, pettini, specchi, monili, forcine, selci affilatissime per radersi, terre colorate ed erbe per la schiarita dei capelli. Nelle raffigurazioni pittoriche e nella scultura, l'acconciatura ha rivestito grande importanza, tanto da essere scolpita, dipinta per ornare caverne, templi, monumenti. Presso tutti i popoli la capigliatura è stata oggetto di cura: distingueva il ceto, aveva ed ha, un ruolo particolare in ambito politico e religioso.

L'acconciatura sottolinea i tratti del volto ed è parte integrante dell'abbigliamento devenendo, nel tempo, parte della storia del costume, di cui segue l'evoluzione nelle diverse epoche.

L'acconciatura è parte essenziale, inderogabile, della costruzione dell'immagine, contribuisce a "Fare Moda", attraverso l'acconciatura s'interpreta, si evidenzia, si realizza l'immagine, l'evoluzione del gusto e dei differenti stili di vita, sia per l'uomo che per la donna.

Attraverso l'acconciatura ciascuno evidenzia le proprie caratteristiche, il proprio stile, il gusto personale, cioè quella sottile forma di esibizionismo che costituisce il look personale e che rivisto in termini collettivi e sociali, sottolinea e caratterizza inesorabilmente una stagione, un periodo, un'epoca.

>> foto attrezzature antiche - parte I

>> foto attrezzature antiche - parte II

 

Pietro Viviani è stato in prima linea nell'organizzazione della "1° Mostra dell'Antiquariato delle attrezzature Professionali" con una raccolta di antichi reperti quali macchinari, attrezzi, documenti, quadri, riviste delle varie epoche a partire dal '600. >> elenco-archivio

La Mostra riscosse l'interesse e la curiosità del pubblico e degli addetti ai lavori e il suo successo venne riportato ampiamente dalla Stampa Professionale.  >> leggi l'articolo